Una Tisana con … Rossella Pagliero

Ciao,

pronti per fare conoscenza di una nuova autrice che scrive libri per i bambini?

Buona lettura 🙂

DOMANDE

 1 – Per iniziare dimmi dove preferisci che ci sediamo per chiacchierare con la nostra tazza di tisana e perché hai scelto questo luogo.

Ci sediamo in salotto, posto caldo e confortevole che infonde energia positiva. (con queste giornate fredde… è l’ideale 🙂 )     Mi piace, grazie 🙂

fonte,autrice

 2 – Che tisana hai scelto e perché proprio questa?

Una tisana ai frutti di bosco, poiché profumata e inebriante. (buona 🙂 )

 3 – Se dovessi venire in camera tua, che libri troverei sul tuo comodino?

“Donne che corrono coi lupi” di Clarissa Pinkola Estés, “L’Istituto” di Stephen King. (mi sembrano diversi tra loro, ti va di parlarcene?)

“Donne che corrono coi lupi” attraverso delle leggende, offre spunti di introspezione e rinascita per le donne che si sentono sopraffatte dai problemi della vita. Ogni donna ha dentro di sé una parte selvaggia (la donna lupa appunto) che deve saper tirare fuori all’occorrenza.

“L’istituto” l’ho acquistato perché sono una fan sfegatata di King. Adoro il genere ed ogni suo libro è sempre una piacevole scoperta. Il libro parla di una serie di ragazzi con facoltà intellettuali sopra la media, catturati e rinchiusi in un posto segreto vittime di esperimenti atroci per testarne ed amplificarne le straordinarie capacità innate.

 4 – E nella tua borsa?

“Decolonizzare la folla”- Frantz Fanon. (non  lo conosco di cosa parla?)

Fanon è uno psichatra martinicano vissuto ai tempi del colonialismo. Affronta il tema del razzismo con tutte le sue atrocità. Si occupa dell’ospedalizzazione psichiatrica dei soggetti oppressi, offrendo soluzioni efficaci per restituire loro la dignità e le cure necessarie. (tema interessante ma… tosto 😦 )

 5 – Preferisci leggere in cartaceo o E-book?                       

Cartaceo, senza dubbio.

 6 –  Hai mai letto i fumetti? Se si, quali? Ne hai uno che ti è rimasto nella memoria?

Sì, non molti… Ricordo con affetto Dylan Dog (ricordi cosa ti piaceva di questo fumetto?)

Sicuramente il personaggio tenebroso e l’ambientazione noir. Quand’ero ragazza mi ricordo che andava molto di moda tra le mie amicizie. Si faceva a gara per accaparrarsi l’ultima uscita. (eheheh)

 7 –  Ti piace andare al cinema, a teatro? Cosa preferisci vedere? Quale è l’ultimo film che hai visto? Ti è piaciuto? E a teatro?

Sì, mi piacciono entrambi. L’ultimo film che ho visto è stato: “La scuola cattolica”, piaciuto molto; a teatro invece “Cats” che ho letteralmente adorato! (i musical li amo da sempre 🙂 )

 8 –  La TV la guardi? Cosa? Ci sono serie TV che segui? Una serie TV che hai visto quando eri più giovane e che ti è rimasta nel cuore.

Guardo poco la televisione, attualmente sto seguendo “La casa di carta”; quando ero più giovane ricordo “Super car” e “Magnum PI”. (è una serie che sono in molti a guardare, secondo te,  perché?)

E’ una serie molto coinvolgente, ricca di colpi di scena. Tutto cambia quando meno te lo aspetti. Quando tutto sembra perduto ecco che accade qualcosa di inaspettato a ribaltare la situazione.

I personaggi si fanno amare dal pubblico che vive assiduamente le loro sofferenze, perdite, rinascite e vittorie. Mi sono identificata nel personaggio di Tokio: donna intraprendente, coraggiosa, disposta al sacrificio. Avrei voluto vederla uscire dalla banca insieme alla sua banda…, ci sono rimasta male quando è uscita di scena. (prima o poi …. La guarderò anche io)

 9 – Domanda classica, quando hai iniziato a scrivere e perché.

Ho iniziato a scrivere durante il primo lockdown, ero ispirata e ho avuto tempo per sviluppare il mio progetto. (ricordi come ti sei sentita mentre scrivevi le prime pagine?)

Ricordo che era la notte di capodanno del 2020, poco dopo la mezzanotte mi è venuta l’illuminazione di scrivere i miei racconti. Ho iniziato a scrivere le prime frasi sulle note del telefono ed ho provato una sensazione di benessere e carica interiore.

10 – Come mai hai scelto questo genere di scrittura?

Mi sento portata a scrivere storie per l’infanzia. Negli anni di lavoro come educatrice ho passato in rassegna moltissimi libri per bambini, so cosa piace loro e ho riscontrato alcune “criticità” che ho cercato di colmare con la mia scrittura. (quali sono queste “criticità” che hai notato?)

Non mi piace criticare il lavoro altrui, ma ritengo che certi libri per bambini siano banali e poco educativi, privi di un linguaggio curato e non capaci di stimolare la giusta curiosità da parte dei piccoli lettori. (in effetti…bisogna sapere scrivere per i bambini)

Com’è nascere e vivere a Torino?  Mi spiego,  negli anni è una città che si è aperta a molte cose e alla cultura sempre di più, per cui…ti va di parlarci del tuo rapporto con  la tua città e cosa ci consigli di vedere appena arrivati?

Io adoro Torino, è una bellissima città, piena d’arte e storia. 

fonte, autrice

Consiglio vivamente di visitare il Museo Egizio e quello del Cinema; Palazzo Madama e Palazzo Reale.

fonte, autrice

(se mi decido a venire per una visita…mi farai da guida?)

fonte, autrice
fonte autrice

E’ inoltre doveroso passeggiare attraverso le varie piazze principali, quali Piazza Castello e Piazza Vittorio, davvero suggestive. (immagino che in questo periodo lo siano ancora di più 🙂 ) se hai qualche foto…

fonte, autrice

Per molti anni hai fatto l’educatrice per l’infanzia. Come mai hai scelto questo lavoro e di cosa si occupa?

L’amore per i bambini mi ha portata ad intraprendere questo percorso. (c’è una cosa che ti ha stupito e/o che hai imparato con i bambini?)

I bambini sono puri, spontanei e sinceri. Manifestano i loro bisogni, la loro gioia e la loro frustrazione con semplicità e in maniera diretta. Qualità che pochi adulti hanno ahimè. Le famose maschere pirandelliane che fanno parte del mondo degli adulti, non fanno parte di quello dei bimbi. Ho empatia nei confronti dei più piccoli, c’è fiducia reciproca. I bambini se sei una persona buona lo riconoscono subito, questo è uno degli aspetti che più mi ha colpito. (vero)

Mi occupo della gestione e cura dei bambini del nido. (in cosa consiste?)

Accogliere i bimbi in struttura, occuparmi dei loro bisogno, organizzare attività didattiche per stimolare la loro crescita e creatività, dar loro tutte le cure e l’amore necessario in modo che abbiano una crescita serena e felice. Sono la “prima” maestra nella vita di un bambino. E’ un ruolo importante! (interessante)

Cosa ti ha insegnato questo lavoro?

Mi ha insegnato l’empatia, la pazienza, l’entusiasmo e che, le attività svolte con passione sono senza eguali.

Cosa ti ha spinto a fare questo libro e a fare anche i disegni.

Ho facilità nella scrittura in rima e ho molta fantasia. Volevo essere un’autrice completa e mi sono cimentata anche nelle illustrazioni. (lo hai mostrato ai bambini il tuo libro e cosa ti hanno detto?)

Lo hanno adorato, vogliono leggerlo tutti i giorni, ormai lo sanno a memoria e guai a saltare qualche passaggio, se ne accorgono subito e me lo fanno notare. (eheheh)

Se ti chiedessi di descriverti come una decorazione Natalizia ….

Luminosa, particolare, sui toni del rosso e del verde. (hai una foto ?)

Purtroppo no. (va bene uguale 🙂 )

11 – Hai un genere che preferisci leggere quando ti vuoi rilassare? Un autore che preferisci in particolare op. no.

Sì, adoro i thriller, Stephen King e James Patterson.  (generi diversi tra loro 🙂 )

12 – Immaginiamo che questa sera ti venisse offerto di andare ad assistere ad un incontro con un autore a scelta può essere vivente o no, in Italia o in qualsiasi parte del mondo, chi vorresti incontrare e perché?

Sarebbe un sogno per me, poter incontrare la Rowling, autrice che stimo profondamente. (piace molto anche a me)

13 – Immaginiamo adesso che potessi invitare qualcuno qui con noi a bere una tazza di tisana, chi inviteresti e perché?

Inviterei la mia mamma, perché da sempre supporta le mie scelte con entusiasmo. (che bello 🙂 )

14 – Immaginiamo di essere ad una festa in costume, quale abito o maschera vorresti indossare e chi vorresti che ti invitasse e che ballo vorresti fare con lui o con lei?

Impersonerei la Regina Cleopatra e vorrei un aitante Giulio Cesare al mio fianco per ballare un lento. (eheheh)

15 – Ami gli animali?  Ne hai uno?  Vuoi postare una sua foto? Chi comanda, lui o tu?

Amo tutti gli animali. Ho due bassotti: Apple e Filiberto, dal quale prende il nome il mio libro.

Si può dire che cerchi di comandare io, sebbene questa razza sia piuttosto testarda… (foto prego 🙂 )

 Ma che belli 🙂

16 –  Passiamo a parlare dei nonni. Che rapporti hai con loro? Ci sono ancora? Se no, cosa vorresti potergli dire se avessi la possibilità di avere 5 minuti in loro compagnia? Se invece sei fortunata e li hai ancora tutti … dove vorresti potarli in gita e perché?

Purtroppo non ho più i nonni e mi mancano molto. (lo so 😦 )

Vorrei che potessero vedere la donna che sono diventata e dire loro quanto sento la loro mancanza.

17 – Stessa domanda ma rivolta ai tuoi genitori.

Ho solo più mia mamma ma nonostante ciò, sento spesso la presenza di mio papà e mi rivolgo spesso a lui con il pensiero. (un abbraccio)

18 – Cosa pensi dell’amicizia maschile e al femminile? Hai una amica o amico del cuore?

Ho tre carissime amiche che sono la mia forza e qualche amico maschio.

Credo tuttavia che i veri amici si contino sulle dita di una mano. (vero 😦 )

19 – Se potessi scegliere un’epoca in cui andare con la macchina del tempo, dove vorresti andare? E perché?

Mi piacerebbe visitare il tempo degli Egizi, civiltà che da sempre mi affascina. (ha sempre affascinato anche me 🙂 )

20 – Quale libro vorresti scrivere domani?

“Filiberto alla scoperta dell’Italia”, per illustrare ai più piccoli le bellezze del nostro Paese. (mi piace come idea 🙂 )

21 – Se dovessi fare un regalo ai tuoi lettori,  cosa faresti e perché?

Regalerei loro dei miei disegni personalizzati, perché credo siano il cuore pulsante delle mie opere. (un pensiero veramente molto bello 🙂 )

22 –  Se domani ti offrissero un viaggio da fare subito,  dove vorresti andare e perché?

Partirei immediatamente per il Kenya in quanto sogno da sempre di fare un safari. (spero fotografico 😉 ) Assolutamente si ahahah.

23 – In chiusura, cosa pensi di questa nostra chiacchierata e cosa avresti voluto che ti chiedessi?

E’ stata una chiacchierata molto intensa e piacevole. Ho apprezzato il tuo modo di condurre l’intervista, comprese le domande fuori dai soliti schemi. Mi ritengo pienamente soddisfatta e non avrei saputo fare di meglio. (grazie 🙂 )

24 – Se vuoi lasciare il link del tuo libro e copertina, se vuoi aggiungere qualcosa per farti conoscere un  po’ di più, puoi farlo.

……………….

Grazie, spero che anche per voi sia stata un incontro piacevole, se vi è rimasta una curiosità o una domanda che avreste voluto che fosse stata fatta… scrivetemela e… magari ci sarà un seguito.

Alla prossima 🙂

MC

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: