HardBoiled: Alack Sinner

Alack Sinner è un personaggio immaginario protagonista di una omonima serie a fumetti di genere noir/poliziesco ideata nel 1974 da Carlos Sampayo e José Muñoz pubblicata in Italia negli anni settanta.

E’ un ex poliziotto che vive e lavora come investigatore privato a New York negli anni settanta. Il personaggio è inizialmente vagamente ispirato alla figura dell’attore Steve McQueen ma poi il suo aspetto verrà modificato caratterizzandolo maggiormente come personaggio malinconico assumendo un aspetto informe e sofferente. Successivamente smette di fare l’investigatore privato e partirà per vari viaggi.

La serie è esordita in Italia, pubblicata su riviste antologiche come Alterlinus e Corto Maltese e successivamente più volte raccolte in volume.
I due autori – in Italia per sfuggire alla dittatura militare – presentarono a vari editori il progetto, ottenendo inizialmente solo rifiuti fintanto che non ottennero l’interessamento della Milano Libri che fece esordire il personaggio nel n. 1 della rivista Alterlinus del 1975, nella storia Il Caso Webster, alla quale seguirà la seconda storia il mese successivo nel n. 2 della stessa rivista, Il caso Fillmore, e da marzo a maggio la terza storia, Viet Blues; a giugno segue La vita non è un fumetto, baby…, pubblicata fino ad agosto 1975 e poi altre.

Una nuova storia del personaggio venne edita ad agosto 1978, Conversando con Joe, alla quale segue una pausa in quanto gli autori si dedicheranno a un’altra serie, Nel bar, che ha però la stessa ambientazione della serie di Sinner il quale compare come figurante in alcune storie. Il personaggio ritorna nella sua serie a ottobre 1981 con una lunga storia a puntate, Trovare e ritrovare. Successivamente le storie del personaggio verranno pubblicate anche sulla rivista Corto Maltese dove a febbraio 1989 viene pubblicata la storia a colori Norteamericano(s). Col tempo il ruolo del personaggio divenne sempre meno centrale e a volte è un semplice osservatore delle trame narrate. Il personaggio compare in un ruolo secondario nella storia Billie Holiday pubblicata su Corto Maltese da agosto a settembre 1990.

Successivamente alla pubblicazione sulle riviste, molte delle storie vennero riproposte in volume da vari editori oltre alla Rizzoli/Milano Libri come la ACME, e poi la Hazard Edizioni, la Nuages e l’Editoriale Cosmo. Nel 2019 la casa editrice Oblomov riedita la produzione integrale riguardante il personaggio in due volumi cartonati.


Per chi si fosse persa la puntata precedente

Una risposta a "HardBoiled: Alack Sinner"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: